Sul n°49 della rivista francese
"NAPOLEON III
Le magazine du Second Empire"

(periodico edito a Parigi) recentemente è stato pubblicato un importante servizio su Giovanni PIANORI detto il Brisighellino..

L’autore, Maryan Guisy, esperto di letteratura, trova che la vicenda Pianori sia "meglio di un romanzo"!

Oltre a rievocare la vicenda di Pianori, egli fa tanti accostamenti con opere e personaggi letterari e…altro.

Ovviamente lui si rifà a quanto i Francesi sanno (ignorando il TANTO che in questi decenni ho scoperto e che, se conosciuti,…altro che romanzo! )

La "vicenda di Pianori "diventerebbe davvero un ROMANZISSIMO dove la realtà supera la fantasia!
Qui di seguito, stralci dell'articolo.

 

 

 

 




Giovanni Pianori, il 7 maggio 1855, davanti ai giudici della Corte di Assise di Parigi
dichiarò che la sua azione contro Napoleone III (il fallito attentato ai Campi Elisi del 28 aprile) era motivata dall'intervento francese
che mise fine alla Repubblica Romana di Mazzini nel 1849.
Il Brisighellino fu irriso e condannato alla ghigliottina.
La irrisione era, allora, comune nella capitale francese.
I sostenitori di Napoleone ritenevano il TRIUMVIRATO di Mazzini
una banda/cricca che si era impadronita del potere per il loro interesse personale:
invece della mangiatoia, succhiavano il latte della lupa (simbolo di Roma).
La irrisione era tale da "coniare" una medaglia che documenta quanto ho appena sostenuto.
Qui di seguito riporto la foto della medaglia che - tramite Patrick Terrolle - sono riuscito ad aggiudicarmi
ad un'asta pubblica a Nevers nello scorso mese di maggio.
Copia della stessa medaglia (meno bella della "mia"!) è esposta al Museeo Carnaalet di Parigi.
In occasione della Ricorrenza della Repubblica Romana, il 9 febbraio prossimo (Covid-19 permettendo!),
sarò lieto di mostrarla agli amici.







Per chi non conoscesse la lingua francese:
"La lupa romana serve loro da vacca da latte"


************

 

Dalla Francia mi arrivano indicazioni e collegamenti per l'Albero Genealogico degli Strada

Clikka qui

 


************

Quando si dice "prendere un granchio".
Quando si dice " pressapochismo".
Quando si dice "raccontare balle".
Quando si pretende "raccontare la storia" e si addebita ad una persona che non c'è più
un'accusa infamante e ASSOLUTAMENTE FALSA.
Chi ha preso un granchio?
Frédéric MITTERRAND.

Dove si trova il granchio?
A pagina 324 del suo libro edito nel 2019:
"Napoléon III et Victor Hugo: LE DUEL", editions XO, Parigi
( vedi foto della copertina qui sotto)

 

 

 






Qual è il granchio?l
QUESTO: aver associato Pianori ad Orsini attribuendo ad entrambi la responsabilità di aver attentato
alla vita di Napoleone III "
...utilizzando ordigni infernali che hanno provocato molti morti..." .

Giovanni PIANORI detto il Brisighellino attentò alla vita dell'Imperatore francese
ai Campi Elisi a Parigi il 28 aprile 1855 ma mancò il bersaglio e
NON UCCISE NESSUNO.
La sua azione si inseriva nel piano organizzato da Giuseppe Mazzini
(un moto insurrezionale alla vigilia dell'EXPO e con le Nazioni impegnate nella Guerra di Crimea
).
Processato per direttissima, fu condannato alla ghigliottina
anche a causa di una scambio di persona commesso dalla Segreteria di Stato del Vaticano.
La sentenza fu eseguita il 14 maggio 1855.
Mazzini rese subito omaggio a questo patriota scrivendo che Pianori era stato
"capace di osare e di morire" per l'Italia


Tutt'altro "discorso" per ORSINI.

Lui sì che il 14 gennaio 1858 si rese responsabile di una vera e propria
strage davanti all'Opera di Parigi: il lancio di bombe sulla folla
in attesa dell'Imperatore (l'unico a rimanere illeso).
Anche Felice Orsini finì sulla ghigliottina ma dopo un lungo processo alla fine del quale egli compromise
i suoi complici trascinandoli nella rovina (uno, Pieri, fu ghigliottinato con lui lo stesso giorno).


QUI SOTTO la pagina 324 del libro di Frédéric Mitterrand





Per correttezza, ho ritenuto prima di tutto segnalare a Renaud Leblond della Casa Editrice parigina XO
- e ,attraverso lei ,all'autore F.Mitterrand - questa falsità nei riguardi di Pianori.
Trascorso un paio di settimane dal giorno dell'invio email (il 7 maggio) senza ricevere nessun cennno di risposta,
mi riterrò libero di intraprendere altre iniziative pubbliche per far conoscere anche ai Francesi la VERITA' storica
su questo patriota italiano
sul quale pende - da sempre - una incomprensibile, quanto ingiusta, "damnatio memoriae"

 

"Renaud Leblond,
Vous avez édité, il y a quelques mois, "Napoléon III et Victor Hugo, LE DUEL".
Je viens d'en terminer la lecture, pendant le confinement italien à Cervia, près de Ravenne.
Si je me permets de vous adresser aujourd'hui ce message,
c'est parce que pour moi M. Frédéric Mitterrand a commis une grave erreur à l'égard de Giovanni Pianori (page 324) :
il a fait avec Orsini un amalgame qui, au nom de la vérité historique, est inadmissible.
Expliquer aux lecteurs que "Pianori et Orsini ont commis des attentats en usant de machines infernales qui ont fait beaucoup de morts, mais dont l'Empereur est sorti indemne" est faux.
C'est un "J'ACCUSE" intolérable, horrible et effrayant.
Giovanni PIANORI est le patriote italien à qui j'ai consacré de longues années d'études,
en effectuant des recherches très poussées aux Archives d'Italie
(Rome et les Archives secrètes du Vatican), en France (Paris, Nantes, Chalon-sur-Saône, Aix-en-Provence)
et en Angleterre (Londres) .
Dans les 2 éditions de mon ouvrage (2012 et 2013), j'ai fait nettement la distinction entre Pianori et Orsini :
le premier, le 28 avril 1855, n'a tué personne ! C'est Orsini qui a commis, le 14 janvier 1858, un véritable massacre devant l'Opéra !

Pianori était un patriote républicain, un homme de Mazzini, le Père fondateur de la Patrie, pour les Italiens.
Mazzini lui rendit d'ailleurs hommage, il l'honora par cette formule : "Pianori : le seul patriote capable d'oser et de mourir".
En 1874, Le Figaro, dans son édition sur les attentats subis par Napoléon III, titra :
"Pianori et les Mazziniens" et le journal explicita le titre : "Pianori a été un vrai Mazzinien et pas Orsini".

Quant à l'Hymne à Pianori qui est conservé à Londres, il est à 99 % de la plume de Victor Hugo
(évidemment, depuis son exil à Jersey, celui-ci ne pouvait pas le signer !).
Frédéric .Mitterrand a écrit des pages très intéressantes sur la famille Hugo,
chassée de Jersey à Guernesey en 1855, mais il a ignoré que les frères Pianori
ont été la cause concomitante de cette décision du gouvernement anglais.
Pendant son exil, Victor Hugo a publié, le 17 octobre 1855, une affiche terrible contre Napoléon III,
intitulée " DECLARATION" et datée du 17 octobre 1855
(mon éditeur a tenu à la reproduire dans la 2e édition de mon ouvrage, en 2013).

Accepteriez-vous, Monsieur Leblond, de me donner l'adresse-mail de Monsieur Frédéric Mitterrand ?
J'aimerais le remercier pour son livre - j'ai moi-même beaucoup d'admiration pour Victor Hugo -
et en même temps, je voudrais lui faire part de cette mise au point sur Pianori,
un personnage dont les Français ignorent presque tout.
Les Italiens également : dans toutes les Histoires du Risorgimento,
Pianori était considéré comme un pauvre cordonnier analphabète et exalté,
avant que je ne découvre ses lettres aux Archives de Rome et à celles du Vatican qui ont permis de rétablir la vérité !.

Le fait d'avoir lu "Le Duel" m'incite à reprendre le texte en français que j'avais rédigé
sur Pianori après la sortie de ma deuxième édition italienne.
Pour que vous ayez une idée de ce que j'avais écrit, je vous transmets la première page de mon livre,
l'index des paragraphes avec les titres, non définitifs que j'avais prévus.
.
A vous, à M. Frédéric Mitterrand, à vos experts, d'y jeter un coup d'oeil
et de juger si cette recherche pourrait contribuer
à une connaissance plus documentée sur l'histoire de nos deux pays,
ainsi que sur celle de l'Europe, engagée toute entière à l'époque dans la guerre de Crimée.
Après avoir lu Le Duel et mesuré l'intérêt que les passionnés d'histoire réservent à cette période particulière,
je ne laisserai pas de côté mon texte sur l'Affaire Pianori :
une "affaire" restée trop longtemps et délibérément cachée.
En effet, le Gouvernement de Napoléon III et celui de son protégé,
le Pape Pie IX choisirent dans la précipitation (on était à la veille de la grande Exposition universelle)
de préférer la manipulation (surtout de la part du Vatican)
et - .Machiavelli docet - le secret sur les très graves injustices commises pour éviter la honte du Pouvoir.
En France, on ignore par exemple que le Vatican trompa Napoléon III, son Gouvernement et la justice française.
Or, tout cela est attesté par des documents, totalement inédits, que j'ai trouvés aux Archives Secrètes du Vatican et à Londres).
Le 14 mai prochain, c'est la date anniversaire à laquelle Giovanni Pianori a été guillotiné à Paris, en 1855.
Sans le non-dit du Vatican sur un échange de personnes qui trompa le Ministre de la Justice,
Jacques-Pierre Abbatucci, et la Cour d'Assises de Paris, Giovanni Pianori,
aurait eu la vie sauve (comme Dieudonné Bellemare,
quelques mois plus tard, le 8 septembre 1855) puisqu'il n'avait tué personne !
Oui, je crois qu'il faut rectifier les erreurs historiques.
Mais, si l'édition de ce genre d'étude historique ne correspond pas au type de livres que vous publiez,
je vous saurais gré de bien vouloir m'orienter vers un de vos confrères éditeurs.
Avec toute ma considération.
Enzio Strada
"

 

*******




il regista Gianluca Nanni di Zirialab (con la collaborazione del Comune di Cervia-Milano Marittima)
ha predisposto una serie di
Video sulla Storia del territorio e della sua gente.
Il 28 aprile 2020 ne è stato pubblicato uno che riporta parti di un' intervista-chiacchierata
con Enzio Strada.
Vi si accenna al nome di Villa Inferno, di Ficocle, di Cervia
e si racconta l'incredibile Storia di Giovanni Guidi Di Bagno,
Vescovo di Cervia e Cardinale alla corte di Luigi XIII e di Richelieu.

Cliccare qui sotto

https://www.youtube.com/watch?v=3hCWRcokq6I&t=458s



*******

La scoperta casuale, in un Archivio, di un fascicolo-dossier inedito ed intrigante mi ha spinto ad accantonare altre "curiosità".
Però...però... mi concedo anche pause; oggi, ad esempio,ho aggiunto qua e là qualche inserimento e qualche link per una più agile "navigazione" in questo mio sito "fatto in casa".

 

 

 


















Sala del Palazzo Marini strapiena. Hedda legge...


 

Una ex studentessa delle scuole Manzoni di Bologna mi ha chiesto alcune foto per illustrare una biografia
(di prossima pubblicazione) sulla fondatrice "Elide Malvasi".
Ne ho approfittato per scannerizzarne alcune e per dedicare una pagina di questo Sito sia al Collegio di via Odofredo sia alle Scuole di via Santo Stefano a Bologna.

Clikka qui per accedere alla pagina

 



Il cervese Quinto Ascione avrebbe compiuto 100 anni il 21 giugno 2019.
Egli morì a 23 anni sul Fronte Russo (battaglia sul fiume Don, 26 agosto 1942) dopo aver salvato da sicura morte il Capitano Aurelio Barnabé
(Signor Capitèn, av port in selv mè": Signor Capitano, la porto in salvo io).
Gesto che gli valse la Medaglia d'oro.



Quinto Ascione con la mamma Rina Ridolfi





Il Capitano Aurelio Barnabé salvato da Quinto Ascione





Locandina del Convegno/Commemorazione ufficiale in onore del bersagliere Quinto Ascione, Medaglia d'Oro..





Che il "Caso Pianori" finalmente diventi un..."Caso"?



Il giornalista Filippo Donati Sul Resto del Carlino del 15 maggio 2019
sintetizza la vicenda dei due romagnoli.

 





Il "CASO PIANORI" è andato in scena a Cervia presso la Sala Rubicone dei Magazzini del Sale, venerdì 12 aprile 2019 per l'iniziativa della locale Associazione Mazziniana.
Il testo ( a cura di Enrico Vagnini) è stato interpretato dalla Compagnia Rosa dei Venti; l'autore e regista Vagnini si è ispirato alla biografia di Giovanni Pianori detto il Brisighellino e mette sotto il riflettore pure l'azione di Felice Orsini.
Entrambi questi due romagnoli, infatti, furono ghigliottinati a Parigi per aver attentato alla vita di Napoleone III:
Pianori il 28.4. 1855, Orsini il 14.1.1858.
Enzio Strada (autore della biografia sul Brisighellino: "
osare e morire per l'Italia e per Mazzini") durante la seconda parte della serata ha messo in evidenza come fra le due figure ci siano differenze sostanziali:

a) Pianori mancò il bersaglio, non uccise nessuno e non compromise nessuno (a cominciare da Mazzini che era stato l'ispiratore della sua temeraria azione );

b) Orsini lanciò e fece lanciare dai suoi tre amici complici le bombe fra la folla sperando che fosse presente l'Imperatore.
Questa azione è considerata dagli storici come la prima strage terroristica europea nella quale persero la vita tantissime persone innocenti.
Durante il Processo, il comportamento di Orsini fu, inoltre, tale da compromettere i suoi tre complici: Andrea Pieri salì sulla ghigliottina lo stesso giorno di Orsini e De Rudio e Gomez furono deportati nell'inferno della Cayenna equatoriale.



La Dott.ssa Isabella Ciotti, Presidente della Associazione Mazziniana Italiana Sezione di Cervia,
presenta lo spettacolo teatrale


Enrico Vagnini: regista e autore del testo "Morire per la libertà: il Caso Pianori"


La compagnia La Rosa dei Venti.
Da sinistra: Gabriele Santi (nel ruolo di Pianori), Patrizia Bartolini (la "voce-lettrice dei documenti"), Luca Viacirca (nel ruolo di Felice Orsini), Giorgio Caporali (barbiere ed inserviente), Enrico Vagnini (autore, regista).



Da sinistra: Gabriele Santi (Giovanni Pianori detto il Brisighellino) e
Luca Viacirca (Felice Orsini
)

 



Visto che insistete!



Domenica 20 gennaio 2019 sul Corriere di Romagna abbinato alla Stampa di Torino











<




Il Corriere di Romagna del 10 dicembre 2018 valorizza quanto da me riportato sull'ultimo libro
edito nel 2018: "Altre spigolature, altre curiosità, altri inediti"
da pag. 377 a pag. 413





L'articolo ha suscitato molto intreresse e qualche polemica.
Ad esempio sul cognome del Vescovo Gazola che a dire di qualcuno si sarebbe dovuto scrivere con due zeta.
Quel "qualcuno" ha dovuto ricredersi perchè gli è stato dimostrato - con documenti alla mano - che GAZOLA va scritto con una sola zeta.

 

 

A Lugo, il 7 dicembre 2018, si "parlerà " del Brisighellino (Giovanni Pianori)

Il Brisighellino e la sua vicenda umana e storica continuano a suscitare interesse.
La puntata a lui dedicata dalla Rai (Radio 3, Wikiradio del 18 agosto scorso)
ha contribuito a far conoscere ulteriormente al pubblico italiano questo
patriota romagnolo tanto ammirato da Giuseppe Mazzini e "tanto" dimenticato nella sua Patria, l'Italia..
Alla giornalista Antonella Borghi della Rai e al Prof. Leardo Mascanzoni della Università di Bologna
un particolare "grazie".

Qui sotto un'altra occasione per approfondire una "pagina" fondamentale della lotta risorgimentale perchè
l'Italia fosse UNA, LIBERA. INDIPENDENTE e REPUBBLICANA.








30 agosto 2018. Cervia, Piazzale Maffei.Torre San Michele.
Presentazione del libro Cervia 2: Spigolature ecc.Tanta gente e ...gente in piedi.
Le foto della serata sono state gentilmente messe a disposizione da
Alberto Bruno Arpini del Circolo Fotografico Cervese presso l'Airone
di Villa Inferno



Il Dott.Renato Lombardi presenta l'autore e anticipa alcuni contenuti del libro, sottolineando soprattutto la scoperta di documenti storici inediti
(a suo dire, di importanza fondamentale per la conoscenza della Città del Sale)



Enzio Strada commenta alcune DIA illustranti "fatti" sconosciuti della storia di Cervia dal 1500 al 1948.
Alla sua destra il Presidente della Società Parco della Salina, Giuseppe Pomicetti; alla sua sinistra il Vicesindaco del Comune, Gabriele Armuzzi e Oscar Turroni, Presidente del Gruppo Culturale Civiltà Salinara.
Il tecnico Evangelisti è stato particolarmente abile nel proiettare le DIA agevolando la comprensione degli spettatori.

 



Molte le richieste di firme e dediche sui volumi acquistati






I proventi sia del primo volume che del secondo sono devoluti interamente al
Gruppo Culturale della Civiltà Salinara di Cervia che
cura il Museo e la Salina Camillone


"questa sera ": perchè il Corriere di R.ha pubblicato la notizia il 30 agosto 2018.



"domani": perchè il Resto del Carlino ha pubblicato la notizia il 29 agosto 2018

"

 

 



INGRESSO LIBERO

IMPORTANTI informazioni logistiche



Cava Marana, 18 agosto 2018:da sinistra:Resp.Fond.La Mem.St.di Brisighella, Enzio Strada;
Michela Soglia, Stefania Cattani, Raffaello Bellavista, Pietro Caruso.

ritorna

 

 

Cerca sul sito Sitebuilding fiorenzo.net info@enziostrada.it © Enzio Strada Opt. 1024x768 res. mappa sito